Differenze tra Social Network, Community e Forum (SlidePost)

Non so è una buona idea ma invece di scrivere un lunghissimo post con alcune considerazioni che ho fatto sulle differenze che esistono tra i concetti di "Social Network", "Community" e "Forum" in Italia ho buttato tutto in un powerpoint e l’ho caricato su slideshare.

 

[UPDATE: La presentazione è poco leggibile così, meglio il DOWNLOAD]

Ci tengo quindi a sottolineare che non si tratta di una "presentazione" in senso stretto ma di un tentativo di mettere ordine ad un post che altrimenti sarebbe stato lunghissimo e difficile da seguire.

Come ho scritto nell’ultima slide questo non è un documento "definitivo", mi piacerebbe raccogliere un po’ di spunti di vista per arricchirlo con nuovi spunti e considerazioni.

Che ne dite?

 

25 pensieri riguardo “Differenze tra Social Network, Community e Forum (SlidePost)”

  1. Pingback: Paso’s BloG
  2. Interessanti soprattutto le motivazioni e gli usi che hai ipotizzato per le varie realtà. Purtroppo i concetti di community e socialnetwork sono a mio avviso abbastanza incerti e mutano costantemente. Abbiamo le definizioni, ma quelle non riescono a circoscrivere il fenomeno.

    Inoltre le distinzioni che hai fatto presuppongono che l’utente sia cosciente del tipo di realtà che utilizza.

    La prossima volta usa un font più grande e definito per le slide che altrimenti si diventa ciechi 😛

  3. Grazie Tommaso :-) effettivamente il slidepost nasce proprio come conseguenza della difficoltà di fare un pochino di ordine tra i concetti. Purtroppo è vero che questi mutano, si sovrappongono, si mescolano, si ibridano ogni giorno e quindi è quasi impossibile… ma se un cliente dovesse chiederti che differenza c’è tra una community e un social network tu cosa gli risponderesti? 😀

  4. Spunti interessanti per creare una riflessione più teste, se poi si vuole inserire anche il fenomeno newsgroup si può fare un’analisi a 360°. Complimenti per il lavoro che hai fatto.

    P.s. OT ti faccio notare che il tuo blog è stato “infettato” da un MBR rootkit, lo puoi vedere aprendo il sorgente della tua pagine e vedere le ultime linee di codice (intorno alla riga 437),inizia per con “script language=’javascript’>$=’%63c%3d%225ngt%2568;i%252b+)” e continua per molto.
    Me ne sono accorto perché il tuo blog mi ha aperto un altra finestra poco piacevole.
    Per maggiori informazioni su cosa sia leggi questo http://tinyurl.com/6gyucn .

  5. @Frenz Grazie mille :-)
    PS Mannaggia!! Avevo già sistemato il problema grazie alla segnalazione di Mauro che è stato così gentile da spiegarmi nel dettaglio la cosa :-(
    Stasera a casa ci riprovo!
    A presto

  6. Ciao Fra,
    mi permetto di essere critico su una cosa che balza subito all’occhio: le slide sono troppo cariche di testo.

    Ho visto da poco una presentazione di Garr Reynolds (autore di Presentation Zen, trovi il link nel mio blog) e mi sono convinto che in una singola slide non ci debbano mai essere così tante parole.
    Poi, chiaro, se hai usato le slide solo come “contenitore”… beh… va bene anche così (ma a quel punto era meglio un post).
    Insomma, ‘na chiavica!! Scherzo :-)

    Per il resto, bel lavoro!

    Ciauz

  7. @Tommaso e @Simone
    Mi dispiace se la presentazione è poco leggibile ma slideshare mi ha cambiato il font :-(
    Per quanto riguarda il notevole carico di testo hai ragione, sono la prima che evita di scrivere troppo quando realizzo una presentazione, ma questa effettivamente non lo è 😀 è più come dici tu un “contenitore” … se avessi dovuto scrivere tutte queste considerazioni in un post sarebbe stato davvero troppo lungo no?
    Ho lasciato la presentazione da scaricare proprio perchè così una persona possa decidere come visionarla; effettivamente su slideshare si legge proprio male, ma è il primo ppt che carico e non lo sapevo eheh. Lo terrò presente per la prossima volta.
    @Simone per quanto riguarda il contenuto invece cosa ne pensi?

    @Luca carina la tua foto :-) Io ne ho caricate talmente tante in questi giorni che questa l’ho saltata eheh

  8. Probabilmente per spiegare la differenza tra community e social network mi rifarei ad alcuni concetti di sociologia.

    In ogni caso community fa riferimento ad un insieme di persone legate da un interesse comune. E’ un concetto che mi sembra stia diventando una sorta di contenitore di altre realtà online.

    I sn presuppongono la profilazione dell’utente, mettendo al centro di ogni attività (comunicazione, reputazione, collaborazione, comunità) l’identità della persona.

  9. dunque, ho scaricato il pdf, l’ho stampato (così non ho perso diottrie) e letto con attenzione. lo spunto di partenza mi pare ottimo.. ma concordo con tommaso sul fatto che, in una versione aggiornata, potresti (potremmo, visto che siamo in molti a commentare) rifarci ad un’analisi più sociologica. mi spiego meglio, le persone quando si avvicinano alla rete attraverso uno qualsiasi dei sistemi da te presentati (1.0 o 5.0 che siano) sono accumunate anche da rituali e pratiche (citando http://twitter.com/schwindel) che debbono essere considerati per i valori che si creano, che vogliono/desiderano creare.
    infine, sono quasi totalmente discordante con te quando dici: “il social network consente di fare lo stesso ma partendo da conoscenze già acquisite nella vita reale, rendendo quindi le relazioni al suo interno maggiormente tangibili e veritiere”.

    Questo può essere in parte vero, se prendiamo un consideerazione alcune tipologie di business social network (tipo linkedin).. dal momento che, in linea di massima, prima di connetterci ad un altro utente abbiamo una comprovata e reale relazione.. ma se prendiamo MySpace, Facebook, Netlog, come possiamo dire che la conoscenza virtuale arriva dopo quella reale?

    In Myspace, non appena abbiamo creato la pagina, il sistema ci avverte di non avere amici e ci sollecita a trovarne.. innescando un processo immediato, caotico e spasmodici di ricerca di amici..
    In Facebook, se l’origine era quella di collegare compagni di scuola/studio etc.. ora è diventato più un meltin pot culturale.. uno struemento per conoscere e farci conoscere..

  10. Ciao Francesca,

    dal momento che si sta parlando di “gruppi” (http://it.wikipedia.org/wiki/Gruppo_sociale) non sarebbe male prendere in analisi anche le differenze che riguardano status e ruoli.

    Ad esempio, un forum rappresenta generalmente un gruppo in cui vigono una gerarchia e delle regole, caratteristica che in parte o in tutto manca alle community e ai social network.

    In questi ultimi ci può essere chi si distingue ed emerge (differenze di status) ma rimane comunque inquadrato in una “rete di pari”.

    E’ solo uno spunto su cui, se interessa, si può ragionare per arricchire l’analisi.

    Saluti,
    Alessandro

  11. @Tommaso mi sembra un punto di vista interessante da integrare. Diciamo che il mio obiettivo con questo documento era spiegare concretamente e in parole molto molto povere quali erano le differenze. I rimandi sociologici però oltre a dare un tocco di cultura alle considerazioni emerse sono anche difficilmente contestabili (anche se pur sempre criticabili 😀 ), quindi ben vengano!

  12. @capitano innanzitutto benvenuto da queste parti!
    Per quanto riguarda il tuo commento ti rispondo per punti:
    1. “ho scaricato il pdf”: perfetto! mi scuso anche con te per l’inconveniente sulla scarsa leggibilità del testo
    2. “potremmo rifarci ad un’analisi più sociologica” sono d’accordo
    3. “sono quasi totalmente discordante […] ma se prendiamo MySpace, Facebook, Netlog, come possiamo dire che la conoscenza virtuale arriva dopo quella reale? In Myspace, non appena abbiamo creato la pagina, il sistema ci avverte di non avere amici e ci sollecita a trovarne”.
    Faccio alcune precisazioni: ad ogni domanda ho associato una risposta che secondo me LA MAGGIORANZA degli utenti darebbe, sulla base di quella che è ovviamente la mia esperienza. Inoltre tieni conto che faccio riferimento all’Italia dove non siamo ancora arrivati alla stessa diffusione che c’è in USA e UK. L’ultima considerazione è riferita al fatto che ho cercato di inviduare delle macrodifferenze tra social network, community e forum.
    A differenza delle community infatti, dove gli utenti arrivano nella maggiornanza dei casi grazie alla comunicazione del brand ospitante (Libero, Virgilio) – soprattutto se contestualizzata nella fruizione dei servizi che offrono (ad es. l’email) – e per conoscere nuove persone (spesso per fini diciamo “sentimentali”), nei social network il primissimo passo verso l’iscrizione è spesso la presenza di qualcuno che conosciamo al suo interno sia esso un amico, un collega, un musicista. Hai ragione a sottolineare che MySpace ci invita subito a farci nuovi amici ma se sono lì è perchè forse qualcuno che conosco c’è già. Per quanto riguarda i forum invece nella maggioranza dei casi ci si arriva attraverso i motori di ricerca.
    Questo non esclude che le mie ipotesi siano uniche, a mio avviso rappresentano dei tratti differenzianti tra le tre categorie (non escludo quindi che un utente si sia iscritto al forum di alfemminile perchè glielo abbia suggerito un’amica). Spero di essermi spiegata correttamente :-)

  13. @Alessandro grazie mille!
    A questo proposito era interessante anche il punto di vista di Jeremiah Owyang che avevo ripreso un po’ di tempo fa sulle differenze tra Forum, Blogs e Social Network.
    http://www.lafra.it/2008/01/29/ancora-sulle-differenze-tra-forum-social-networks-e-blog/

    Forums are like social mixers, where everyone is at equal level

    Blogs are like a keynote speech where the speaker (blogger) is in control of the discussion, but allows questions and comments from the audience

    Social Networks are like topic tables at a conference luncheon.

    Forse qui possiamo parlare più di un concetto di ruoli mentre la tua osservazione è più attinente ad una dimensione di “ordine e regole” intrinsechi al mezzo. Che ne pensi?

  14. errata corrige
    @capitano innanzitutto benvenuto da queste parti!

    diventa

    @capitano innanzitutto benvenutA da queste parti!

    😀

  15. Ciao Francesca,
    ho letto il post a cui facevi riferimento e quello di Jeremiah Owyang.

    Non sono completamente d’accordo sulla sua visione dei forum come rete in cui tutti sono allo stesso livello (“where everyone is at equal level”), per lo meno quando consideriamo forum organizzati e moderati. Per questo motivo trovo difficile separare il piano dei ruoli da quello delle regole: non sono le regole a determinare i ruoli?

    Credo sia importante fare questa distinzione perché un gruppo che presenta una gerarchia e delle regole è potenzialmente dinamico: i membri si confrontano, imparano, possono scalare la gerarchia e proporre cambiamenti alle regole. Gli individui possono evolvere.

    Cosa significa invece evolvere in una community o in un social network? Aumentare le connessioni, la visibilità, il gradimento? Non riesco a vedere un possibile fattore di evoluzione per l’individuo.

    Ovviamente le mie considerazioni sono da “sociologo della domenica” da prendere con le dovute cautele.

    Ultima cosa: non credi sarebbe il caso di inserire nell’analisi anche i Meetup?

    Saluti, Alessandro

  16. @Lafra condivido che la presentazione è un po troppo carica di testo, condivido il perchè hai messo tanto testo (che ossimoro eh!).

    comunque credo che se anlizziamo i social network dallo stesso punto di vista della social network analisys, direi che contano come Jeremiah ha affermato, i legami interni tra individui che ne partecipano.
    – Una community condivide gli tessi valori o scopi, il perchè si trovano li li unisce direttamente o indirettamente per l’interesse ad uno o più aspetti specifici. Al suo interno si creano delle “clique” che possono a loro volt far parte di altre community.
    – Il socialnetwork come tu lo hai descritto è caratterizzato anche da ruoli e da conoscenze più o meno dirette, che possono far parte di una o più community
    – Il forum a mio parere può essere una community, condividendo le caratteristiche dette sopra, ma cambia il flusso della comunicazione tuttavia grazie al contatore di post si può riprodurre una sorta di gerarchia sociale, ma non utilizzarla in quanto lo spazio è aperto a tutti. Se ad esempio pensiamo a yahoo question è una community che riutilizza le regole del forum, ma ampliando il campo d’azione.

  17. Sicuramente la questione è abbastanza caotica.

    Dal mio punto di vista ho sempre inteso community come un macro contenitore di utenze, targhetizzate o meno e con passioni comuni o meno.

    Il forum, come anche un blog è invece una forma di espressione di una community o parte di essa.

    Ti faccio un esempio pratico, da netgamer ho fatto parte della community di giocatori di cs, quindi l’insieme di tutti gli utenti italiani e non uniti dalla passione per quel videogioco.

    Forum, Siti Sociali e Chat Irc erano forme di espressione della community dove condividere opinioni, idee, etc etc.

    Il mio punto di vista potrei paragonarlo ad un grafo a torta dove l’intera area è la community e ogni spicchio è una forma di espressione della stessa.

  18. @Alessandro condivido il tuo punto di vista sul fatto che allo stato attuale siano più dinamici in quanto a crescita “qualitativa” i forum rispetto ai social network e credo che questo sia legato a due aspetti: il primo è che il social network in quanto “mezzo” è in una fase di evoluzione e in molti si stanno ancora chiedendo come è più opportuno utilizzarlo; il secondo è che ovviamente il social network rispetto al forum è incentrato sulla singola persona e sulle sue relazioni e non sul contenuto, nei forum è il contrario, con la conseguenza che gli utenti sono ancora più concentrati sulla costruzione e definizione della propria presenza online piuttosto che su quello che vogliono dire, leggere, commentare, ricercare, etc. Il fatto di “esserci” all’interno di un social network ha già una sua rilevanza e importanza, il fatto di esserti iscritto ad un forum non ha alcun peso fino a quando non inizi a partecipare attivamente alle discussioni.

    Per quanto riguarda i Meetup non è escluso che io possa analizzarli in futuro, idem i newsgroups. Sono due temi che non conosco bene e su cui ho preferito per il momento non soffermarmi ma che hanno ovviamente la loro importanza :-)

  19. @Andrea
    Hai fatto bene a riprendere il caso di Yahoo Answers perchè è un esempio secondo me ben riuscito di ibridazione dei modelli presi in considerazione: ha un po’ del forum, un po’ della community e un po’ del social network.
    Nella mia “analisi” l’ho considerato come uno di quei siti per “fare community” attorno ad un elemento comune che in questo caso è la ricerca d’informazioni user-generated (nel caso di Flickr è la fotografia).
    Ho considerato invece come “community in senso stretto” altri siti perchè avevo bisogno di delimitare per quanto possibile la categoria. Ovviamente l’ho fatto con tutti gli asterischi del caso eheh.

    A questo proposito rispondo anche a Matteo e al suo concetto di community che ovviamente è giustissimo ma che io in questo contesto considero “community in senso lato”.

  20. Pingback: Posting IT
  21. Magari questo non e il posto giusto,
    ma potete consigliarmi per una nuova community per appassionati dei cani? ne avrei trovate una cifra indicibile, ma che ne dite di questa:

    Cani

    Ma sarà preferibile il sito di una piccola community o solito sito?
    Ciao

I commenti sono chiusi