Sono testarda. E me ne vanto.

"Tu sei toro allora sei cocciuta”

“Sì è vero. Ma ti dirò un’altra cosa. I tori sono talmente testardi da avere sia la pazienza sia la capacità di spiegare le proprie ragioni”

“Forse alla fine riuscite ad avere ragione per sfinimento”

Sì, mi sa che sono fatta così. Cerco di convincere gli altri delle mie ragioni. Mi ricordo quando frequentavo l’università: io e la mia compagna di banco studiavamo insieme ed eravamo preparate allo stesso modo ma alla fine io prendevo voti più alti dei suoi perché io ero davvero convinta di quello che dicevo mentre lei tentennava alla prima obiezione del professore. La faccia convinta non è la faccia da culo, non fraintendiamo. Non c’è falsità. Non c’è finzione. La convinzione è un’altra cosa.

“Hai detto che ho ragione? Puoi ripeterlo per favore?”

“Sì, hai ragione”.

Come mi pesa dare ragione, ma l’ho fatto. Davvero. Sarà il segno zodiacale ma sono fatta così, devo sbatterci la testa, o come si suol dire le corna, e come San Tommaso se non vedo, non tocco, non credo.

Sì, sono fatta così. Non fraintendetemi, non voglio avere ragione a prescindere. Ascolto, rosico, e poi sono capace di ammettere che mi sbagliavo. Beh, magari non completamente. Ok, sto cercando di convincervi che non posso davvero aver sbagliato qualcosa. Magari qualche errore di valutazione. E poi, sto cercando di convincere voi o me?

Forse ho dato ragione perché volevo essere dalla parte della ragione. Forse non è vero che voglio avere sempre ragione, forse voglio solo essere dalla sua parte, fa vivere meglio.

“E sticazzi, chi vuole vivere dalla parte del torto?”

Eppure io qualche volta dalla parte del torto ci sono stata.

Delete.

Ctrl+Z.

Ma sì tanto vale lasciarla lì quella parolina tanto temuta, negata e schivata (anche un po’ schifata). Torto.

È vero, una donna è libera di stare con diversi uomini sbagliati fino a quando non trova quello giusto. Anche essere la donna sbagliata però. E poi diciamocelo, si può davvero essere il partner sbagliato di qualcuno? Ok, ci sto provando di nuovo. Però dai, provate a non darmi ragione.

È la dura lotta dell’essere umano, combattuto tra razionalità e passionalità. Amiamo e odiamo l’una e l’altra con la stessa intensità. In realtà riuscire ad odiarle e amarle è un lusso che pochi si possono permettere. È un lusso riuscire a farle convivere entrambe dentro di sé.

O forse è solo un’altra testardaggine della quale cercherò di convincervi.

PS E comunque oggi ho vissuto qualche piccola bella sorpresa che mi ha fatto sorridere. E tutto questo, perché in fondo in fondo, ma molto in fondo e ci aggiungo anche un forse, avevo ragione.

7 pensieri riguardo “Sono testarda. E me ne vanto.”

  1. Si che si può essere il partner sbagliato.
    [memento:] C’è proprio chi il partner giusto non ce l’ha, e mica resta sempre da solo/a!
    Ah, beh, poi c’è chi c’ha culo…

  2. Uno donna può avere uomini sbagliati OR essere la donna sbagliata OR stare con quello sbagliato AND essere a sua volta sbagliata; tutte le combinazioni sono valide.
    E poi capita che un giorno sei la donna giusta.. e anche lui non è niente male.. e forse (e dico forse) ti scopri felice di accorgerti che, beh, in effetti, hai avuto torto, parecchio torto in passato. E qualcun altro, da cui non ti sei mai fatta convincere, aveva così maledettamente ragione.
    E sorridi.
    Sorridi perchè hai avuto torto.
    Ma soprattutto sorridi perchè – oh, sì – ORA hai davvero ragione.

  3. la ragine si ha solo su cose oggettive (matematiche), la ragione, il torto nella vita, nei sentimenti non esistono, è solo l’interpretazione che diamo alle cose che accadono, se ci portano qualcosa di buono allora è ragione se in qualche modo ci fanno male allora è torto, se invece non ci riguardano è indifferenza.

  4. Secondo me non sempre aver ragione è importante (soprattutto in amore…), quello che è importante è il motivo per cui si vuole aver ragione!

I commenti sono chiusi