LOCH NESS X 3: Voglia di Scozia, Campagna WWF e il “fratello” plesiosauro

Non vi succede mai che uno stesso argomento, di cui magari non sentite parlare da tempo, ve lo ritroviate davanti più volte nel giro di pochi giorni? L’argomento in questione è Loch Ness, non il lago scozzese ma il mostro che dovrebbe abitarlo.
Settimana scorsa mentre eravamo a Londra, io e Uragano abbiamo pensato al fatto che sarebbe stato bello tornare la prossima estate e magari fermarsi una settimana anche in Scozia. Allora io scherzosamente ho detto “Sìììì, così andiamo anche a vedere Loch Ness”, ovviamente Uragano era molto contento di questo mio interesse verso la famosa leggenda :——–) eheheh.
Comunque, fatti personali a parte, lunedì torno in ufficio e leggo qualche blog qua è là tra cui anche Advertising for Peanuts ed ecco che mi ritrovo la ben nota foto scattata a Nessie in uno dei soggetti della campagna pubblicitaria di WWF, “WWF MYSTERIES”, dove il messaggio, comunicato a mio avviso in maniera molto chiara ed originale, è che se non adottiamo le misure necessarie per presevare alcune specie animali, tra qualche anno riuscire a vederle e a fotografarle sarà più difficile che fotografare il mostro di Loch Ness, perchè saranno a forte rischio estinzione.

Ieri Lochness di nuovo: sono sul treno e sfoglio il nuovo freepress 24 minuti e a pagina 4, nella sezione Attualità, leggo: “Il mostro di Loch Ness ha un sosia. È un dinosauro ritrovato al Polo Sud”. L’articolo spiega che in Antartide è stato rinvenuto uno scheletro fossile, un plesiosauro vissuto 70 milioni di anni fa, che ha una forte somiglianza con il leggendario mostro: il collo sarebbe identico.

Insomma, la spiegazione di questa insistenza da parte di Nessie a voler comparire in svariate situazioni, decisamente slegate tra di loro, è ovviamente una: vuole che andiamo a conoscerla 😉

Technorati technorati tags: , , , , , , ,

Nostalgia degli anni 60, 70, 80 e 90?

Vi sentite un po’ nostalgici? Avete voglia di un po’ di revival? Ecco alcuni link che fanno al caso vostro :-)

Animamia.net
Benvenuto nell’anima della nostra infanzia, il sito dedicato ai ricordi e alle emozioni dei bambini degli anni ’60 e ’70.
Navigatelo un po’, ci sono delle vere chicche in ognuna delle sezioni. Eccone alcune:

Giochi
Il Dolceforno e il Crystal Ball!
Pubblicità
L’uomo in ammollo del detersivo Bio Presto e il cartellone di Coppertone crema solare con il cane che tira gli slip della bambina bionda

Pubblimania: The Advertisting Collection
All’interno di questo sito è possibile trovare immagini e filmati di alcune campagne pubblicitarie degli anni 50, 60 e 70.

Ne riporto una in particolare, e poi capirete perchè :-)


Per gli appassionati degli anni 80 invece non potete perdervi questo sito, 1500 of your Favorite 80’s Videos!, dove è possibile vedere in streaming beh neanche a dirlo 1500 videoclip degli anni 80 eheheh. Ce n’è davvero per tutti i gusti, da Heather Parisi agli Iron Maiden :-)


Per concludere una piccola chicca anni 90 per intenditori eheheh… io e Alessia che facciamo a gara di palloncini ricordando i vecchi tempi 😉

Technorati technorati tags: , , ,

“Pluto, we still love you”


Recentemente ho manifestato il mio sconcerto nei confronti della notizia che Plutone non è più considerato come un pianeta.
Mi fa piacere quindi pubblicare il manifesto pubblicitario realizzato da Pedigree.
Un paio di annotazioni per capire meglio il messaggio:

  • Pluto in inglese significa Plutone
  • Il claim di Pedigree è “We’re for dogs

[via adsoftheworld.com]

Mamme non preoccupatevi: c’è Yahoo Answers!

In queste ultime settimane sono stata colpita dallo spot pubblicitario che presenta l’ultima iniziativa editoriale del Corriere della Sera: l’Enciclopedia dei Ragazzi.
Lo spot mostra un bambino e una mamma in procinto di uscire: il bambino ad un certo punto fa una domanda alla mamma, di carattere pseudo-scientifico, la quale poverina non riesce a rispondere, sentendosi così una “somarella” (appaiono disegnate due orecchie d’asino sopra la testa).
Per questa, e per tutte le altre domande a cui non riuscirete rispondere care mamme, dovrete acquistare ai vostri bambini “L’Enciclopedia dei ragazzi“: “12000 pagine illustrate e più di 6000 voci per approfondire tutto quello che studiano a scuola: dalla storia alla geografia dalla scienza al mondo degli animali. Libri insostituibili per le ricerche, immediati e divertenti per ogni curiosità.“.
Mamme non è vero! Questi libri saranno sicuramente utili ma non INSOSTITUIBILI, voi lo siete :-) e con un pizzico di impegno (e una connessione internet) potrete essere all’altezza di ogni domanda. Come? Basta ritardare un po’ la risposta, il tempo necessario per andare su Yahoo! Answers, girare la domanda al popolo di internauti e attendere le prime risposte!
Io l’ho fatto 😉
Quella che vedete sotto è l’immagine di uno dei soggetti scelti per la campagna pubblicitaria con il relativo domandone:


e questa è la stessa domanda su Yahoo Answers (come potete vedere ho voluto specificare nella descrizione sia la fonte che l’intento della domanda onde evitare inutili osservazioni sulla sua natura):


In un giorno ho ricevuto ben 18 risposte (le prime addirittura entro un’ora)!
A parte gli scherzi, oggi ho preso insieme al Corriere una copia della prima uscita e l’ho trovata interessante e adatta al target, vorrei soltanto che i genitori cercassero sempre e comunque di essere un punto di riferimento per i propri figli, anche se a volte non si sentono all’altezza delle loro aspettative: insomma non acquistate libri di questo genere solo per evitare di affrontare con loro l’argomento, ma piuttosto servitevene per condividere insieme il sapere :-)

(E dopo questa perla di saggezza me ne andrò a letto…)