Temporary Shop di Alixir: essere trendy (forse) non basta

Da qualche tempo sto seguendo, con interesse più "markettaro" che salutistico lo ammetto, il caso Alixir, soprattutto dopo l’inaugurazione del temporary shop a Milano, in zona brera.

L’interesse nei suoi confronti è scontato: il lancio di Alixir è ancora oggi seguito da numerosi commenti, alcuni dai toni entusiastici altri decisamente più scettici, da parte sia di chi è sostanzialmente interessato alle innovative forme di comunicazione che Barilla sta adottando per presentare la sua nuova linea di prodotti, sia di chi è attratto dalle loro proprietà nutritive.

A questo proposito vi segnalo sia il post di ninjamarketing, punto di riferimento per le forme di comunicazione non convenzionale e quindi inevitabile presenza del Temporary shop

l’Alixir Food Lounge, con il suo nero caratteristico predominante, è un’oasi emozionale – e cool! – in cui vivere un’esperienza alimentare innovativa ed esclusiva: la Next Food Experience. Nel temporary store si è catapultati in un’altra dimensione all’interno della quale scienza e informazione si mescolano per raggiungere l’obiettivo di vivere meglio. […]

L’acquolina è d’obbligo ma si sta a cuor leggero e con lo stomaco pieno! Stranamente, infatti, non si è assaliti dai sensi di colpa… Insomma, abbiamo gradito!

sia il post di Piero di ovosodo che si sofferma più sulle qualità e le caratteristiche intrinseche del prodotto che sulla comunicazione

Un prodotto ha attirato la mia attenzione, luccicava sull’apposito espositore piazzato in mezzo dove ci devi per forza sbattere contro. Mi avvicino, Alixir è un pane. Bene, roba per me, voglio approfondire.[…]

Sembra tutto normale, salvo i “principi attivi”: Alixir Cor(TM) , un ingrediente brevettato. Un brevetto. Nel pane! Bah, saranno i tempi moderni, forse dovrò adattarmi, ma mi sa che è meglio che resto come sono.[…]

Ricapitoliamo: ho scoperto un pane che costa come il pandoro del pasticciere, che non te lo fanno vedere prima di comperarlo, che oltre ad un ingrediente brevettato contiene margarina e aromi artificiali, in cui il 50% di quello che paghi è vaselin* oops scusate, "concetto e marketing". Saranno i tempi moderni… io credevo che il pane fosse un’altra cosa. L’esito dell’assaggio? Beh, il mio istinto di… consumatore consapevole mi ha suggerito di non comperarlo :-) E bravo Williams Murray Hamm

All’uscita ho dato un Euro al vuccumprà. Lui non sa perchè, ma io sì: mi fa ugualmente bene al cuore 😉 mi costa meno, e non sono costretto a farlo due volte al giorno per 21 giorni di fila.

Ottimi post entrambi, ma mi lasciano con una domanda: il Temporary Food Lounge è in grado di abbattere lo scetticismo e l’ostilità che naturalmente si generano nei confronti dei prodotti Alixir? I presupposti per riuscirci ci sono tutti: approccio comunicazionale esclusivista, opportunità di provare il prodotto, possibilità di dialogo diretto con il consumatore.

Personalmente non sono ancora riuscita ad andarci e credo che prima del 29 febbraio, data in cui il temporary shop verrà chiuso, non andrò comunque, e forse non è comunque una gran perdita, non sono decisamente in target.

Anyway, fortunatamente è arrivato il post di Communication Idol (che scrive poco ma quando lo fa a mio avviso lascia sempre il segno) ad esaudire il mio desiderio di saperne di più.

Ecco un lungo estratto della sua lunghissima recensione sulla sua personale esperienza nel temporary shop Alixir.

[…] l’obiettivo principale di un temporary shop è proprio questo: “influenzare gli influenzatori” […] .
A differenza dello shop Nivea
[vi segnalo l’articolo di Brand Forum se volete approfondire], il temporary Alixir si presenta come un’esperienza di marca più che di prodotto […] un’esperienza quasi mistica: all’ingresso la profondità di un corridoio scuro di tanto in tanto spezzato dai verbatim dei consumatori che parlano del loro rapporto con il benessere e la salute ha l’obiettivo di avvicinare al tema il visitatore (il benessere e la salute) senza svelarlo troppo […]

Lo spazio che ci accoglie parla di scienza e tecnologia: superfici lineari, quasi asettiche, computer, luci morbide e diffuse. L’obiettivo sembra quello di ribadire l’efficacia dei prodotti attraverso suggestioni che rimandano al mondo della scienza. E’ però una ”scienza pettinata”, un ordine più simile a quello di un lounge bar newyorkese che a una clinica privata.

La giovane sacerdotessa/promoter dalla pelle d’ebano mi accoglie e mostra i segreti della brand. […]

“Preferisce partire con il questionario QX. Oppure con quello che valuta il suo personale livello di benessere?”. Di fronte al mio interesse per il primo, la promoter mi spiega: “Si tratta di un progetto in collaborazione con il Dipartimento di Epidemiologia del Regina Elena di Roma per indagare gli effetti di una sana nutrizione sul benessere psicofisico”.

L’intuizione è chiara: una marca che promette benessere individuale deve farsi anche portatrice di valori salutistici collettivi.

Non solo: non si può promettere salute se non si è sufficientemente credibili; così l’autorevole accostamento al Regina Elena vuole fertilizzare la marca di un’etica della salute e i prodotti di una credibilità nella promessa di efficacia.

La mia risposta non si fa attendere:”Ovviamente parto con il questionario QX…“

Un computer touch-screen dal software user-friendly pone 27 domande a risposta chiusa. A seguire un altro questionario valuta il mio livello di benessere in termini di cuore, sistema immunitario, intestino, invecchiamento cellulare.

Le domande in questo caso però appaiono troppo ingenue per un target “wellness-holic”: come possono 8 domande dare delle indicazioni su 4 argomenti così importanti?

Dopo il questionario il computer “dice di avere” dati sufficienti per un menù personalizzato: lo chef Barilla al centro di un tavolo circolare prepara per me un mini-menu specifico per le mie esigenze nutrizionali.

L’esperienza rimanda a quella dei corner Clinique, dove da sempre il famoso computer valuta le caratteristiche della pelle e suggerisce la giusta combinazione di prodotti cosmetici.

Ma la similitudine finisce lì dove inizia l’esclusività dell’esperienza vissuta: dalla presenza dello chef alla disposizione del cibo, dai contrasti cromatici tavolo-piatto-cibo alla morbidezza della musica lounge tutto contribuisce alla creazione di una esperienza unica ed esclusiva, ben lontana da un posizionamento mass e più in linea con la mass-exclusivity.

Il giusto spazio per ogni commensale e la rotondità del tavolo garantisce un ottimo compromesso fra privacy individuale e condivisione dell’esperienza culinaria. Il messaggio lanciato è chiaro: il cibo per Alixir è sì esperienza da vivere da soli, da assaporare con consapevolezza ma è anche esperienza sociale e socializzante, è vita in sé. L’idea del cuoco al centro del tavolo con i commensali intorno aiuta a rafforzare l’idea di unicità e attenzione al cliente, molto in linea con un target esigente e alto spendente come quello Alixir.

…] le mie curiosità si sono accese e i dubbi moltiplicati. Provo a soddisfarle chiedendo al cuoco che risponde chiamando a sua volta una giovane ragazza. In linea con l’obiettivo mi aspetterei un’esperto/a, forse qualcuno in camice come avviene nel flagship store Kiehl’s, dove commessi/farmacisti dispensano preziosi consigli con autorevolezza e esperienza. Invece è una ragazza cortese a darmi risposte, più simile ad una venditrice che ad un’esperta.[…]

Forse l’accostamento del nutrizionista al cuoco sarebbe stato vincente e avrebbe maggiormente soddisfatto le esigenze di un target wellness-conscious e proprio per questo opinion leader.

La capacità di creare opinione va infatti sollecitata sfiorando le giuste corde: corde razionali e/o emozionali. L’esperienza della mia visita ha sicuramente toccato la mia emotività, è riuscita a suggestionarmi, mi ha fatto vivere per un po’ in un’esperienza mistica, piacevole, raffinata dove il vero protagonista era in fondo il concetto di eternità. Ma le suggestioni tecnologiche e la collaborazione con il Regina Elena sono state sufficienti a parlare a quella parte di me che vuole conoscere e s’informa? che va sui blog? che spulcia il web alla ricerca della più provata reason to believe?.

Dopo aver letto i tre post mi viene da pensare che utilizzare forme di comunicazione innovative serve per destare l’attenzione ma non è sufficiente per raggiungere il vero obiettivo. Alla base di ogni iniziativa di comunicazione deve esserci sempre un attento studio e una profonda conoscenza sia del proprio target di riferimento che del prodotto (sono d’accordo ad esempio con il fatto che la presenza di un esperto alimentare in grado di argomentare le proprietà del prodotto anche con i consumatori più attenti ed esigenti fosse necessario).

Voi cosa ne pensate? Cosa dovrebbe fare Alixir per catturare davvero questo target e trasformarlo in consumatore?

Technorati technorati tags: , , , , ,

15 pensieri riguardo “Temporary Shop di Alixir: essere trendy (forse) non basta”

  1. Pingback: Trashfood
  2. premetto, non sono esperto nè di temp shop, nè di prodotti del genere.
    Ma a me il temporary shop mi da’ l’idea, gia’ in se’, di qualcosa di poco autentico, di mockup, di temporaneo appunto.
    e anche il sito, tutto flashato, mi lascia lo stesso gusto.
    Io avrei affittato una fattoria, e creato eventi diversi in un posto differente.
    ” Ma le suggestioni tecnologiche e la collaborazione con il Regina Elena sono state sufficienti a parlare a quella parte di me che vuole conoscere e s’informa? che va sui blog? che spulcia il web alla ricerca della più provata reason to believe?.”
    No. :-)
    ciao,
    gluca

  3. Per quanto io ami molto Barilla e i suoi (tradizionali) prodotti, trovo questa iniziativa un po’ mal gestita…

    Innanzitutto è evidente che questi prodotti non hanno alcun riscontro scientifico concreto. Si tratta solo di una linea esclusiva per un’utenza medio-alta che io definisco “snob”. Difficile credere che si abbia, davvero, un risultato benefico a cuore, cellule, intestino e cos’altro mangiando i cari prodotti Alixir…siamo seri…

    Cosa avrebbe dovuto fare il marketing per fare meglio? Io non sono un pubblicitario di formazione, ma per lavoro mi capita qualche contaminazione in materia.

    Alla luce della mia (breve) esperienza mi vien da dire che una campagna marketing per essere davvero efficace deve innanzitutto promuovere un prodotto/servizio davvero serio ed efficace. Difficile pensare ad una campagna di marketing che dia risultati strepitosi (nel lungo periodo) per un prodotto mediocre.

  4. Non ritengo che Alixir abbia fin ad ora catturato il target per cui è stato creato il prodotto. Gli alimenti funzionali hanno un target ed un mercato diverso da quello fino ad ora utilizzato. Si è comunicato il marchio più che il prodotto.Cosa fare? Basta guardare gli esempi positivi di Danacol di Danone, hanno comunicato al solo target specifico e hanno coinvolto nutrizionisti, dietisti, medici, specilisti in scienze dell’alimentazione a cui hanno dimostrato la valenza scientifica del prodotto, con tanto di ricerche e risultati, questi anno poi aiutato a veicolare il prodotto. Questo è possibile farlo solo se si ha un prodotto che realmente ha delle valenze.

  5. Secondo me il temporary shop non è stata una brutta idea, anzi. Andava tuttavia studiata nei minimi dettagli, cercando di comprendere e capire come soddisfare le aspettative dei potenziali consumatori di Alixir che vi si recavano.
    Come dicevo nel post l’assenza di un esperto in grado di rispondere ad ogni dubbio nutrizionale è stata forse un’importante mancanza, un aspetto in qualche modo sottovalutato.

    Per quanto riguarda il prodotto in sè non posso esprimermi, anche se, nel caso in cui fosse davvero mediocre, il marketing e la comunicazione dovrebbero essere in grado di lavorare ugualmente in maniera ottimale per esaltarne punti di forza e minimizzarne quelli di debolezza.

    In ogni caso volevo chiedere a Francesco e Gunther perchè pensate che i prodotti Alixir siano rispettiavamente “mediocri” e che non ha “realmente delle valenze”, cioè è una certezza o è una diciamo sensazione?

  6. Al temp shop spero di riuscire ad andare sett prox e ti farò sapere meglio.

    Nel frattempo ho visto i prodotti Alixir in negozio, nel loro particolare espositore e devo dire che l’impressione avuta conferma quanto detto prima.

    Danacol, citato prima, è un prodotto specifico, mirato, supportato da ad specifici e dati scientifici che ne confermano una, seppur molto limitata, efficacia.

    Alixir vuole “strafare” nel senso che propone una gamma di prodotti che fanno bene al cuore, alle cellule responsabili dell’invecchiamento, all’intestino e alle difese immunitarie. Mi pare che sia davvero difficile creare prodotti alimentari industriali che davvero contengono sostanze capaci di fare tutto questo bene…Diciamo che posso credere che non facciano male.

    Oggi ho visto i cereali Alixir che “fanno bene all’intestino”. Che valore aggiunto mi danno questi cereali rispetto agli All-Brain? Insomma, tra uno Yomo e Danacol percepisco con nettezza il valore aggiunto, tra Kellogs e Alixir no.

    Cmq se riesco ad andare al temp shop ti farò avere ulteriori impressions!

  7. la mia è più che una senzazione, condivisa fortunatamente anche da Medici Specialisti in Scienze dell’Alimentazione; è parte dal principio dell’Organizzazione Mondiale della sanità, che un alimentazione varia ed equilibrata di nutrienti, associata ad una regolare attività fisica, aiuta il corpo e stare e mantenersi in buona forma fisica. Per tanto ritengo che qualsiasi alimento o prodotto che per esempio sostiene che il suo uso rallenti l’invecchiamento cellulare deve essere dimostrato, per il resto le conviene “leggere” le etichette dei prodotti. Se io dico che l’arancia è ricca di vitamina c, e questa aiuta a rinforzare le mie difese immunitarie, se viene a casa mia e le faccio mangiare una torta all’arancia, le posso dire che la mia torta l’aiuta a rinforzare le difese immunitarie?

  8. Ciao, complimenti per il post, molto interessante.

    Vi segnalo questo link:
    http://www.experiential-lab.com/eng/portfolio_002.htm

    Ho visitato il Temporary Shop Alixir di Roma, non è niente male. A me sembra solo che i prezzi dei prodotti siano un pò troppo alti, e che difficilmente possa diventare il mio programma alimentare quotidiano. Il posto invece credo apre degli spunti di riflessione. Che tipo di impatto ha veramente quello che mangiamo sulla nostra vita? Bello! Techno-fashion, semplice e cool. Un pò troppo affettato forse.

  9. Secondo me il modello di business è interessante, sposa in pieno la strategia “long tail” (per citare il termine coniato da Chris Anderson nel suo articolo su Wired).

    Da poco è nata anche l’evoluzione sul web, che unisce la dinamica dei temporary store “fisici” con le potenzialità dell’e-commerce, si chiama WebTemporaryShop.com

  10. Io sto aiutando degli amici a promuovere il loro piccolo ma ben gestito sito, nel quale offrono visibilità a chi ha una location di livello e vuole affittarla per un temporary shop Il sito è temporary-shop.net e nasce proprio da una loro esigenza, che era quella di collocarsi in un ambiente diverso dai siti di annunci o immobiliari in genere come location commerciale

    Se qualcuno lo trovasse utile, può anche utilizzare il numero verde per contattare i gestori Un abbraccio

I commenti sono chiusi