Se lo streaming gratuito diminuisce l’audience televisiva

Recentemente ho scritto un post su OneWeb2.0 in cui parlavo del caso dei produttori di South Park che hanno deciso di dare la possibilità ai fan del cartoon di guardare in streaming gratuitamente tutti gli episodi delle serie prodotte all’interno del sito southparkstudios.com.

La motivazione "ufficiale" alla base di questa scelta è molto semplice: far sì che gli utenti non siano "costretti" a scaricare illegalmente gli episodi dalle piattaforme P2P; quella non ufficiale è l’introito pubblicitario (mi autoquoto) 

All’interno del sito ci sono alcuni spazi pubblicitari e alcune forme di sponsorizzazione (ad esempio l’area di creazione del proprio avatar è “presented by Virgin Mobile”); in più la visione del full episode è intervallata da 4 momenti pubblicitari, contrassegnati sulla barra di scorrimento con delle barrette bianche

In USA e UK l’online streaming televisivo gratuito sta diventando sempre di più un must per i fan che possono vedere e/o rivedere gli episodi delle loro serie preferite. Questo fenomeno però non piace a tutti e ha sortito degli effetti per alcuni insperati per altri inaspettati.

In questa seconda categoria rientrano i produttori della serie Gossip Girl che hanno deciso di bloccare lo streaming online perchè a loro avviso il loro sito CWTV.COM sta cannibalizzando l’audience televisiva:

The network said Thursday that episodes of its series "Gossip Girl" will not be streamed on CWTV.com when "Gossip" returns Monday with original episodes through season’s end. The first 12 episodes of the season, which will remain on the site, were made available free to viewers about a week after their original airdate. The CW is trying to avoid being a victim of its own success: "Gossip" has proved to be a big draw on CWTV.com, with each episode said to be generating hundreds of thousands of streams. Episodes routinely rank among the most downloaded on iTunes, which also will continue to offer new episodes [da ‘Gossip Girl’ stream pulled 17 Aprile 2008]

Come giustamente sottolinea Sonia Zjawinski sul blog di Wired.com, invece di cercare di capire come ottenere un introito economico dal successo di questo nuovo modello televisivo si è deciso di arrestarlo.

Una mossa ovviamente molto stupida: online non fa rima con onair, e l’utenza internet che ha fruito fino a poco tempo fa dello streaming gratuito ha delle caratteristiche diverse dalla audience televisiva.

 

Those hundreds of thousands of viewers who were watching directly on the CW’s site will either have to tune in or turn to P2P networks to download the show illegally. And knowing how savvy kids are, that very well may be what happens. Doesn’t Ostroff [CW’s president of entertainment] know you can’t tell a teen what to do?

 

Questa decisione è ancora più incauta se consideriamo che l’accesso al sito di CW non era legato esclusivamente alla visione della serie ma soprattutto al bisogno di condividere la propria passione con gli altri utenti:

Not only do fans watch the show on their computers, but they post sightings of the actors on gossip blogs and exchange rumors (about both the show and its stars) on fan sites. […] It’s not appointment television; it’s a 24-hour conversation

Riassumendo abbiamo due approcci opposti: South Park allarga la fruizione dei propri contenuti anche all’online, offrendo un servizio a valore aggiunto ai propri fan in termini di immediata accessibilità e legalità, monetizzando questo approccio con gli introiti pubblicitari. CW toglie agli utenti del proprio sito la possibilità di visualizzare la loro serie preferita in streaming sul mezzo a loro più affine nella speranza di aumentare l’audience televisiva e vendere meglio i propri spazi pubblicitari.

Quale dei due approcci porterà il risultato sperato?

Technorati technorati tags: , , , ,

Da quando i VJ fanno le ruote? [Pubblicità Assorbenti]

Ieri ho visto una pubblicità che mi ha lasciato perplessa.

Una ragazza sta facendo un provino per diventare VJ, il sogno di molte ragazze come lei. Manca solo uno step al tanto atteso traguardo: le viene chiesto SE SA FARE LA RUOTA!

Oh no, ho le mestruazioni, e ora come faccio? Niente paura, grazie ai miei fantastici assorbenti non dovrò rinunciare a questa grande opportunità, posso fare la ruota senza alcun problema e pensiero.

Ora aiutatemi a capire… è davvero così importante saper fare la ruota per diventare VJ? Insomma non la devono saper fare nemmeno i ballerini di Amici!

AGGIORNAMENTO 11 aprile 2008

Mi sembra doveroso aggiungere anche il video della Litizzetto:

Il futuro dell’advertising online (classico) non è “social”

I social networks sono ormai da tempo al centro dei pensieri di molti addetti al marketing e alla comunicazione perchè sono coscienti del fatto che lì potrebbe risiedere il loro target, sia esso di vendita che di comunicazione, e non sanno come raggiungerlo.

Regole di comunicazione che sono valide in un contesto non possono avere ovviamente la stessa efficacia in altri, ed è per questo che Google non ottiene gli stessi risultati sul suo motore di ricerca e su MySpace. Il motivo è ovvio: se nel primo caso la scelta di navigare in Google Search è legata alla specifica esigenza di cercare e soprattutto trovare qualcosa nel più breve tempo possibile, nel secondo invece è connessa ad altri obiettivi, classificabili sarà ovvio dirlo di "networking".  Come scrive Joshua Porter nel suo post "Why Social Ads Don’t Work" non a caso Google si pone come obiettivo di continuare a ridurre il tempo che gli utenti trascorrono all’interno del suo motore di ricerca, perchè questo vuol dire che gli stessi sono riusciti a soddisfare velocemente il loro bisogno, mentre Facebook mira ad ampliare quanto più possibile il time-per-visit dei suoi iscritti.

Lo stesso messaggio pubbilcitario può quindi essere percepito in maniera completamente differente a seconda del contesto: se all’interno del motore può essere utile perchè pertinente con la mia ricerca, all’interno di Facebook è fastidioso perchè decontestualizzato (ci si potrebbe scrivere un libro su questo.. o qualcuno lo ha già fatto??) e antiestetico.

Se sono all’interno di un social network difficilmente cliccherò su un banner/messaggio pubblicitario che mi porterà in un altro sito allontanandomi dal luogo virtuale in cui mi ritrovo, è come se fossi in un pub e per provare una birra diversa da quella che bevo solitamente dovessi uscire e recarmi in una nuova discoteca, magari bellissima ma dove non conosco nessuno e non mi sento altrettanto a mio agio: non sarebbe meglio farmela bere nel mio solito amato pub insieme ai miei amici?

In sintesi

the context is entirely different. When you’re in search mode, you are playing by different rules

L’analisi dei primi risultati relativi ai "social ads" confermano appunto la teoria secondo cui il presupposto per far sì che l’utente interagisca con i messaggi pubblicitari sia che in quel momento sia più o meno esplicitamente alla ricerca di qualcosa, e quindi questi sono alcuni dei contesti in cui si ottengono i ritorni migliori:

  • Searching
  • Shopping
  • Traveling

Proprio qualche giorno fa Mauri, il mio compagno di scrivania, mi ha raccontato di aver trovato un interessante sito sul Canada se non ricordo male mentre navigava in Turisti per Caso cliccando su un annuncio pubblicitario.

Questo ci porta a fare qualche prima considerazione anche sugli esiti della ipotetica futura guerra tra Microsoft+Yahoo e Google: benchè gli strumenti di posta elettronica e di community dei primi due siano più forti non riusciranno a monetizzare gli stessi risultati in termini di advertising di Google Search. Questo ci fa inoltre capire perchè gli investimenti e gli sforzi maggiori da parte dei tre colossi siano incentrati soprattutto sul mobile e sulle maps: quando le persone accedono ai servizi mobile sono in movimento e quindi in unfamiliar places with the same old needs, stiamo quindi cercando sia una destinazione sia dei servizi che ci possano essere di supporto lungo il tragitto. Proprio per questo motivo Joshua conclude il suo post affermando che maps and mobile are the future of advertising.

Le osservazioni interessanti però continuano all’interno dei commenti:

Innanzitutto ci si interroga sull’efficacia dei messaggio all’interno dei blogs: che differenza c’è tra l’advertising su MySpace e quello nei blogs, ossia i risultati in termini di CTR non dovrebbero essere più bassi? La risposta è NO, e questo grazie alla visibilità che i blog hanno all’interno delle SERP, ossia delle pagine dei risultati di ricerca. A differenza dei social network infatti i blog vengono spesso visitati in quanto all’interno dei risultati di una ricerca ed essendo l’utente in quel momento nel cosiddetto "seach mode" è più propenso a continuare appunto questa ricerca cliccando sui messaggi presenti nei blog: User searches, user clicks through to blog, user clicks ad. Ed è proprio per questo motivo che un blog riesce a guadagnare quanto più è focalizzato su un argomento (vi consiglio a questo proposito il post di Tagliaerbe "Tematizzare: il primo comandamento SEO")

Altri utenti riflettono su usi migliori dei social network:

  • Better-Targeted Ads: benvenga la pubblicità nei social networks, ma solo se fortemente contestualizzata ed interessante per il target, anche perchè i social network offrono a volte un livello notevole di segmentazione dei consumatori. L’esempio fatto è quello di Dogster la community dedicata agli amanti dei cani, "a dream marketing opportunity for a company like… Pup-peroni, marca di cibo per cani, che è infatti uno degli sponsor del sito. Ho notato che una delle campagne di advertising visibile in questo momento è il lancio del doppio DVD Platinum Edition della Carica dei 101, più contestualizzato di così :-)
  • Brand Building e Sponsorship: già all’interno del post Joshua aveva spiegato che la presenza di pubblicità all’interno dei social network non sia legata necessariamente al tentativo di portare gli utenti sul proprio sito, costringendoli quindi a lasciare il proprio "space", ma perhaps they are simply for brand-building purposes…you see the brand and it has a subconscious effect…you don’t change what you were doing but the brand is somehow strengthened in your mind from the ad impression. A questo proposito nei commenti si parla di opportunità di Sponsorship, come ad esempio nel caso appena visto di Dogster, perchè è vero che gli utenti continueranno a vivere la loro vita virtuale e a fare "networking" ma saranno riconoscenti al brand che permette loro di fare tutto questo, probabilmente memorizzandolo e diventandone consumatori. Onestamente non credo che sia così semplice ma potrebbe essere più efficace del semplice messaggio; ovviamente bisognerebbe in qualche modo misurare l’efficacia di un’azione di questo tipo in relazione anche all’investimento che è indubbiamente più elevato rispetto ad un messaggio pubblicitario.
  • Panel Research e Paid reviews: ci sono molte potenzialità in questo senso, ma anche in questo caso è necessario tenere bene a mente le caratteristiche intrinseche dello strumento che impongono trasparenza e rispetto.

Ultime due considerazioni prima di chiudere questo lunghissimo post:

  • Quando pensate a MySpace, a Facebook o agli altri social networks è importante ricordare la sfera personale in cui volete entrare: "Despite what advertisers think, my Facebook account is MY personal space… please don’t bug me on it.". Attenzione, la pubblicità in questi contesti non solo potrebbe non sortire nessun effetto, ma potrebbe essere addirittura controproducente.
  • Gli utenti abituali dei social networks li conoscono come le loro tasche, forse meglio, alcuni potrebbero navigare al loro interno anche ad occhi chiusi quindi possono tranquillamente sfuggire all’esposizione di messaggi pubblicitari. Esattamente come nella vita reale alcune persone have an amazing ability to filter out ambient noise in places they frequent and i believe this also plays a part in the lackluster results of ads.

Scusate se sono stata prolissa ma non volevo omettere nessun dettaglio degno, a mio avviso ovviamente, di rilievo e di essere esplicitato.

Voi cosa ne pensate? Queste considerazioni valgono anche per il mercato italiano?

Social Media Lab + Minibar: cosa mi sono portata a casa

Sì venerdì c’ero anch’io e ho fatto la doppietta Social Media Lab e Minibar.

Per quanto riguarda il Minibar ho le prove della mia presenza:

 

Per quanto riguarda il Social Media Lab la prova tangibile della mia presenza è che so cos’è il CPM Binario :-)

Quando Mafe ha aperto la giornata con il suo intervento chiedendo "chi sa cos’è il CPM?" "chi sa cos’è il codice Binario?" "chi si è chiesto il perchè di questo titolo?" io ho alzato la mano ma la verità è che non mi ero davvero posta questa domanda, forse sono andata sulla fiducia :-), e ho iniziato ad ascoltare con curiosità.

CPM è un’unità di misura utilizzata in advertising ed è l’acronimo di Cost per mille (o Cost per Thousand) visualizzazioni degli annunci (non è utilizzata solo online – inteso come display advertising ovviamente – , ma in radio, TV e altre forme di pubblicità) mentre il Il sistema numerico binario è un sistema numerico posizionale in base 2, cioè che utilizza 2 simboli, tipicamente 0 e 1, invece dei 10 del sistema numerico decimale tradizionale, […] è usato in informatica per la rappresentazione interna dei numeri, grazie alla semplicità di realizzare fisicamente un elemento con due stati anziché un numero superiore.

Mafe ha accostato un elemento tipico dell’advertising tradizionale con un altro appartenente all’Informatica in generale e quindi possiamo dire anche ad Internet. Perchè?

Per spiegare con quale parametro le aziende dovrebbero valutare il loro potenziale investimento in iniziative online volte a dialogare con i singoli utenti: usando il CPM Binario, ossia considerare il numero 1000 con il sistema numerico binario e rapportarlo all’equivalente nel sistema numerico decimale, ossia 8 (per saperne di più su questa conversione potete leggere la Breve guida sul calcolo dei numeri binari con le operazioni matematiche).

Quindi quando attivo una comunicazione mirata e personalizzata su 8 utenti internet devo considerare che questo dato potrebbe essere equiparato ad un target di 1000 spettatori di una campagna ad esempio televisiva e questo perchè se nel primo caso io arrivo a conoscere queste 8 individui a coinvolgerli davvero a farli vivere seriamente un’esperienza con il mio brand nel secondo la comunicazione è "sparata" ai mille con la speranza di averli colpiti e influenzati. Nel primo caso invece possiamo stare (quasi) certi che questi non terranno tutto per sè ma lo condivideranno, diventeranno non solo dei brand lovers ma dei veri e propri ambassadors, arrivando potenzialmente a raggiungere positivamente fino a 1000 utenti. Ovviamente questo processo di viralizzazione è più tangibile e soprattutto misurabile se avviene online, difficilmente possiamo sapere quanto la diffusione dello stesso è capillare offline.

Questo assunto così forte, e ovviamente provocatorio, è stata una premessa ideale alla presentazione delle start-up che è seguita all’intervento di Mafe, per le quali il passaparola è un requisito fondamentale per lo sviluppo e la crescita.

Tornando al CPM Binario, Mafe ha evidenziato un altro aspetto ostico per la comunicazione online ed è la misurazione: quello che in realtà è un punto di forza del web, ossia la possibilità di avere dati certi sul comportamento degli utenti, viene vissuto da molti con frustrazione soprattutto da parte di coloro che sono abituati a lavorare per stime (con le quali è più facile trovare delle adeguate giustificazioni ai propri risultati).

Purtroppo, anche se io personalmente direi per fortuna, l’evidenza e la brutalità dei numeri è un aspetto del web che bisogna in qualche modo accettare e soprattutto imparare a conoscere riparametrando le proprie unità di misura relative all’efficacia dei progetti di comunicazione.

Per quanto riguarda il resto della giornata vi invito a leggere altri post scritti sull’argomento:

Social Media Lab (second edition) e Minibar Italy di Francesco Federico che ho avuto il piacere di conoscere di persona

MiniBar – The Day After di Adriano Gasparri con il quale ho un conto in sospeso 😉

SocialMediaLab: resoconto di una giornata di Dr_who

Social Media Lab 2 @ IULM e MiniBar @ Triennale di Frenz (feelByte)

e ovviamente il blog ufficiale del Social Media Lab dove è possibile trovare tutte le presentazioni delle start-up presenti al Minibar.

Per quanto mi riguarda ho già parlato sia di Zooppa che di Zzub (ai tempi Bzzers), due delle iniziative presentate durante la giornata, su One Web 2.0 quindi per il momento vi rimando lì :-).

Mi riprometto di saperne di più su BootB, per il momento ho la loro maglietta appesa nella bacheca del mio ufficio come promemoria!

 

Technorati technorati tags: , , , , , ,

Essere creativi con i Chewing Gum (masticati)

Mi ha fatto sorridere la campagna Paint by Numbers ideata per Hubba Bubba, una marca di chewing gum.

Come potete vedere dall’immagine qui sotto i passanti possono trasformarsi in artisti usando la propria gomma da masticare… già masticata. Basta seguire le istruzioni del gioco paint by numbers e incollarla nel punto giusto per diventare dei nuovi Wahrol 😉

Oltre ovviamente ad apprezzare l’idea creativa (ne parla anche ninjamarketing), la campagna mi ha fatto sorridere perchè mi ha riportato alla mente un’altra manifestazione diciamo sempre creativa ma nostrana e senza pensieri markettari dietro.

Questa è una foto che ho scattato ad Assisi in prossimità della Rocca Maggiore.

 

Umbria20070146

 

Umbria20070145

 

Umbria20070147

 Chissà se dove hanno trovato l’ispirazione gli ideatori della campagna Hubba Bubba. A volte la creatività è dove non riesci a vederla o dove meno te l’aspetti!

Technorati technorati tags: , , , , ,

Wii, la console della Regina

La mia metà britannica non ha resistito alla tentazione di scrivere questo post dopo aver letto l’articolo di ieri del Corriere dove viene spiegato che la Regina Elisabetta gioca con la console Nintendo Wii.

Non solo Elisabetta è una Regina, una figura aristocratica, ma è anche una nonna ottantenne. Di lusso ma pur sempre una "vecchietta", proprio come quella che sconfigge Panariello nella pubblicità televisiva di Wii Sports. La Wii è quindi davvero una console per tutti tutti? Qualcuno di voi ha un esempio in famiglia come questo :-) ?

Io per ora sono tentatissima dalla DS, anzi direi già intenzionata ad acquistarla perchè posso giocarci anche in treno e non devo essere necessariamente a casa ma bisogna riconoscere che anche la Wii è proprio divertente (vero Napolux?).

 

 

Advertising: quando parlare di cattivo gusto e volgarità?

Recentemente ho espresso alcune perplessità in merito all’idea creativa sviluppata per i 2 video viral del Motorshow 2007 (soggetto WC e soggetto colloquio) e a questo proposito tra i commenti lasciati al mio post sull’argomento vorrei riprendere quello di Pier Luca Santoro che si è espresso così:

In nome dei viral video vengono realizzati filmati che dovrebbero divertire e favorire il passaparola, spesso però si fatica a capire l’attinenza con il prodotto/brand. Questo è il caso dei video che riporti che sono – a mio avviso – di cattivo gusto ed hanno [soprattutto subject wc]pochissima aderenza tra claim e visual. Il fatto che tui sia una donna ti rende, peraltro, assolutamente in target visto che ormai nella fascia 20 -34 anni ci sono più “femminucce” che “maschietti” che comprano auto. Un abbraccio. Pier Luca Santoro

Pier Luca definisce questi video di cattivo gusto. Ora vorrei farvi vedere, o rivedere qualora ve lo avessero già segnalato prima (è stato caricato su YouTube un anno fa), questo video che reclamizza una marca di preservativi e che è stato girato in Africa.

Quando me l’hanno girato mi sono fatta una bella risata poi con la mia solita deformazione professionale mi sono soffermata a pensare al fatto che se il mio primo commento è stato "Geniale!" qualcun’altro potrebbe definirlo "volgare". Ora, sono cosciente del fatto che un video così in televisione come inframezzo pubblicitario di Amici di Maria de Filippi non sia adeguato ma come video viral su internet direi che va benone e nonostante l’esplicito riferimento alla grandezza del "favone" come lo definirebbe Maurizio Mosca (un tocco di trash nel mio blog non manca mai ;-)) non mi viene da definirlo volgare. Voi cosa ne pensate?

Technorati technorati tags: , , , , ,

Video viral per il MotorShow by Armando Testa

Sarà sicuramente perchè sono una donna e quindi ipoteticamente non in target ma a me in tutta sincerità i nuovi video realizzati da Armando Testa per il Motorshow non mi sono piaciuti.

Maschietti (e anche Femminucce) mi date il vostro parere?

 

 

Technorati technorati tags: , , , , , ,

Il nuovo ad di Guinness “Good things come to those who wait”

Stamattina ho ricevuto un email da una mia amica che lavora in un’agenzia di pubblicità con la segnalazione di questo nuovo ad di Guinness

Nella descrizione del video su YouTube leggo " The most expensive Guinness beer commercial ever made. Phenomenal." Che sia fenomenale non ci sono dubbi, o almeno IMHO :-). Inoltre, facendo un po’ di ricerche sul web, ho scoperto che il messaggio "Good things come to those who wait" è il tema centrale anche di un secondo vecchio ad altrettanto spettacolare: "Guinness Evolution"

Tra le due ho preferito la prima, forse perchè ha giocato anche l’effetto sorpresa del messaggio conclusivo (mentre lo guardavo mi dicevo.. ma dove vogliono arrivare??) di cui invece ero già a conoscenza durante la visione del secondo. O forse perchè ho un debole in generale per gli "effetti domino"

Technorati technorati tags: , , ,

AGGIORNAMENTO

Maurizio mi ricorda che la data in cui è stato realizzato il secondo ad citato "noitulovE" è il 2006 quando Guinness ha vinto il Grand Prix al celebre Festival Cannes Lions (ecco l’articolo di Adage che lo ricorda)… scusate la dimenticanza e grazie Maurizio :-)

Come si suol dire "Messaggio vincente non si cambia" (o forse non era proprio così).